Venerdì 18 Febbraio 2011

Al telefono in auto
Multati due al giorno

COMO In America hanno una casistica. E anche i testi degli ultimi messaggi mandati prima di morire in un incidente stradale. O prima di averne causato uno mortale. O prima di aver investito un bambino. Ne ha scritto, per esempio, il giornalista Vittorio Zucconi. I poliziotti americani l'hanno scoperto così, sulla strada, nei telefoni sporchi di sangue, nei racconti in lacrime di chi raccontava che la morte era arrivata per un sms. Messaggi corti, non romanzi, scritti in frazioni di secondo e con altrettanta velocità inviati. Eppure, in quella frazione di secondo, è scattata la distrazione che ha creato il disastro. Ora dei 24 mortali dello scorso anno a Como, per fortuna nessuno è stato causato dall'uso del telefonino. Ma dei 90 automobilisti multati per essersi distratti alla guida sui 318 incidenti rilevati dalla polizia stradale nel 2010, ci sono anche le vittime dei telefonini e perfino del navigatore satellitare, che secondo uno studio inglese distrarrebbe il guidatore creando più disturbo che aiuto. Sia polizia stradale, sia polizia locale di Como confermano che al telefono parlano tutti. Parlano, scaricano posta, mandano messaggini. Il problema - per la statistica si intende - è che fanno sparire il telefonino appena vedono le pattuglie. Quindi, i dati della statistica sono falsati. Anche così, comunque, emerge che più di un comasco al giorno si ritrova con una bella multa per aver parlato al cellulare durante la guida (152 euro e 5 punti in meno della patente ritirati). La polizia locale di Como, infatti, nel 2010 ha dato 420 multe, per guida con il telefonino, che sono il 10 per cento delle sanzioni contestate immediatamente. «Ogni volta che vengono fermati accampano tutti la stessa scusa - spiega il comandante dei vigili Vincenzo Graziani -. Dicono che era una telefonata di salute per un membro della famiglia». I cinque punti volano lo stesso. Perché per i comaschi l'auto è il luogo preferito per parlare al telefonino, ma per gli uomini in divisa è il luogo più pericoloso dove aggiornare madri figli fidanzati mogli mariti sorelle o fratelli sullo stato della propria vita. La polizia stradale, nel 2010, ha contestato 270 verbali per guida con il telefonino. È vero che nel 2009 erano stati di più (390), ma dipende dal fatto che i poliziotti hanno dovuto controllare più tir.
Anna Savini

a.savini

© riproduzione riservata