Lunedì 14 Marzo 2011

Ubriaco contromano
Che paura sul lungolago

COMO A tutta forza in contromano, ubriaco, alla guida di una Porsche «Boxster» che per sua fortuna era intestata a mamma e papà, e che per questo i carabinieri non hanno potuto sequestrargli. È successo l'altra sera poco dopo mezzanotte in viale Rosselli, dove i militari, intervenuti su segnalazione di alcuni automobilisti, hanno davvero evitato che la bravata di un trentaduenne milanese di Parabiago si trasformasse in qualcosa di più serio. È lui, con un tasso altissimo di alcolemia (2.66 microgrammi d'alcol per litro di sangue) il recordman della nottata di controlli svolti a scopo preventivo dalle forze dell'ordine in tutta la città e nei Comuni della cintura urbana. La Porsche avrebbe potuto essergli confiscata, così come prevede la legge nei casi di sforamento della soglia di 1.5 microgrammi d'alcolemia (il limite è comunque fissato a 0.5) ma non è successo soltanto perché il veicolo non risultava intestato a lui. La stessa circostanza (veicolo di proprietà di altri), sempre sabato notte, ha preservato dalla confisca anche una più piccola Opel «Corsa», fermata a un posto di blocco a Camerlata:a guidava un giovane di Montano Lucino (28 anni), risultato positivo ai test con una alcolemia di 2.16. Le patenti sequestrate in tutto sono sei, tre a carico di cittadini italiani (tra i quali il trentenne di Parabiago e il ventottenne al volante della Opel) e tre a carico di altrettanti stranieri, per l'esattezza un cittadino argentino, di un brasiliano e di un marocchino. Negli ultimi giorni, intanto, la prefettura ha reso noto i dati dell'operazione «Drugs on street», condotta a scopo prventivo sul terittorio della provincia nel 2010: in tutto sono stati fermati e controllati 5557 autoveicoli, ritirate 306 patenti, 275 conducenti risultati positivi all'alcol, 17 alle droghe, otto all'uno e alle altre, con 36 confische di auto. Soprattutto, però - ed è questo il motivo di maggiore soddisfazione - si è registrata una notevole diminuzione di incidenti gravi.
St. F.

a.savini

© riproduzione riservata