Sabato 26 Marzo 2011

Como in campagna elettorale
Si muove il notaio Peronese

COMO La tanto invocata “società civile” scende in campo, in vista delle elezioni comunali dell'anno prossimo. Nessuna lista civica, ma il notaio Francesco Peronese esce allo scoperto e ammette che, «con un gruppo di amici del mondo della cultura, dell'imprenditoria e delle professioni» sta lavorando a «un progetto per risollevare la città», progetto che verrà messo a disposizione «di chi può prenderne le redini e realizzarlo». L'elenco dei sostenitori si aggiorna di ora in ora: tra gli «amici», che però difficilmente si candideranno, figurano l'ex prorettore del Politecnico Roberto Negrini, il direttore del 118 Mario Landriscina, il comandante dei vigili Vincenzo Graziani, ma anche Barbara Minghetti (Teatro Sociale), l'avvocato Renato Papa e il presidente di Confedilizia Claudio Bocchietti.
A tredici mesi dalle elezioni per il nuovo sindaco e i consiglieri, in ogni caso, le certezze su liste e possibili candidati sono poche. «C'è una gran voglia di liste civiche, slegate dai partiti», ripete in questi giorni chi fa politica attiva. Ma nessuno dei "big" si sbilancia. Lo scenario più credibile, ad oggi, vede un candidato sindaco del Pdl (il nome è ancora un rebus) sostenuto dalla Lega, mentre il Pd potrebbe appoggiare una civica di centrosinistra. Ha già ufficializzato la sua candidatura Alessandro Rapinese, che guiderà la lista civica «Adesso Como».

p.moretti

© riproduzione riservata