Venerdì 08 Aprile 2011

"Casa mia" a Lariofiere
Raddoppiano i venditori

ERBA - “Casa Mia” diventa grande e gli immobiliaristi raddoppiano. Allo spostamento della fiera dagli spazi di Villa Erba a Lariofiere corrisponde un maggior numero di espositori, triplicati, e di agenzie immobiliari, più che raddoppiate. La formula insomma riscuote un forte successo e proprio così si motiva la decisione di allargarsi, una sfida vinta e parlano i dati, si spera naturalmente che a questi contenuti faccia seguito anche una risposta importante di pubblico. Già c'è il responso comunque delle agenzie immobiliari che nonostante il momento non favorevole hanno voluto esserci.
La presentazione della nuova manifestazione ospitata da quest'anno ad Erba, dopo quattro edizioni a Cernobbio, è incentrata sulla volontà di fare il salto di qualità nonostante la contemporaneità con il Salone del mobile che potrebbe distogliere attenzione. Una sfida accettata portando ad Erba la formula collaudata a Cernobbio con quindi tutto ciò che riguarda la casa: domotica, risparmio energetico, parquet, marmi, sanitari, camini, arredi, vetrate. Naturalmente resta forte la componente immobiliare con agenzie, ma anche istituti di credito, assicurazioni, traslochi, imprese di ristrutturazione o demolizione. Chi entrerà a Lariofiere, dal 15 al 17 aprile, avrà insomma tutto quanto gli serve per acquistare e mettere su casa.
«”Casa Mia” è una scommessa vincente anche quest'anno, e dopo gli ottimi risultati a Villa Erba era logico tentare un salto di qualità – spiega Sonia Gaffuri organizzatrice dell'evento -. Abbiamo triplicato il numero degli espositori, raggiungendo quota novantacinque, e raddoppiato le immobiliari che sono una ventina. Serviva per questo un centro fieristico vero e proprio, Lariofiere è poi in una posizione strategica, dove può interessare diverse province».
Cambia insomma in parte la pelle della fiera: «L'abbiamo resa più moderna e accattivante – continua Andrea Peri, sempre dell'organizzazione dell'evento -. Mantenendo l'ingresso gratuito, aspetto basilare perché si vuole vedere la fiera come una piazza. Si è anche voluto realizzare, con l'Opera Don Guanella, un piccolo asilo interno dove i genitori possono lasciare i bambini».
Intervento nel corso della presentazione naturalmente anche del vicepresidente di Lariofiere Giovanni Ciceri che ha sottolineato l'importante impegno di Confcommercio per la crescita dello spazio espositivo: «L'impegno di Confcommercio per noi è fondamentale, dietro molte delle fiere presentate c'è l'associazione di categoria. Hanno fatto loro la nostra mission, con uno sforzo notevole ed importante che dobbiamo ringraziare».
Giovanni Cristiani

p.berra

© riproduzione riservata