Mercoledì 29 Giugno 2011

Incidente a Crema:
comasco gravissimo

COMO Alessandro Bianchi, 39 anni, imprenditore frontaliero di Como, è in fin di vita dopo un incidente in moto ieri pomeriggio alle 16.30 in viale Europa a Crema, all'altezza della chiesetta del Pilastrello. Ha un trauma cerebrale e i medici mantengono la sua prognosi riservatissima. In ospedale c'è anche una trentottenne di Lodi, Susanna S.,  ricoverata all'ospedale Maggiore di Crema con prognosi riservata dopo essere rimasta coinvolta medesimo incidente. Susanna era passeggera di una moto Bmw 1200 R guidata dal Bianchi. È stata scaraventata al suolo dopo l'impatto contro un fuoristrada impegnato in una manovra di svolta. Sembra che Bianchi sia finito sotto le ruote del fuoristrada. Ha riportato un trauma cranico serissimo. La lodigiana non ha perso conoscenza, ma una volta arrivata in pronto soccorso, appena mezz'ora dopo le prime telefonate di richiesta di soccorso al “118” di Cremona, i medici le hanno diagnosticato quattro fratture al bacino, e per questo non avanzano previsioni sui tempi di guarigione né danno certezze sulla gravità, o meno, delle lesioni. È invece in pericolo di vita il 39enne comasco, che ha riportato traumi diffusi: l'esame della tac ha rilevato un'emorragia cerebrale, ed è stato ricoverato nel reparto di rianimazione. I medici non escludono un intervento chirurgico urgente. Anche per lui la prognosi è riservata. La polizia stradale di Crema sta accertando la dinamica dell'incidente: secondo una prima ricostruzione, il fuoristrada Range Rover rimasto coinvolto, guidato dal cremasco Davide B., 37 anni, illeso, stava svoltando a sinistra per raggiungere il piazzale di un distributore di benzina. Alle sue spalle c'erano diverse auto incolonnate, e la moto Bmw condotta dal comasco, e con la lodigiana in sella, sarebbe stata impegnata in una manovra di sorpasso, terminata contro la fiancata del fuoristrada. Il comasco è scivolato sotto le ruote dell'auto.

f.angelini

© riproduzione riservata