Sabato 06 Agosto 2011

Soldi da restituire all'Inps
Tre mesi di proroga

L'Inps non recupererà le quattordicesime dal mese prossimo, ma da novembre e dicembre per dar tempo ai pensionati di chiarire la propria posizione.
«È una disposizione molto importante: dà un po' di respiro e non crea un giro di carte, placa l'allarme per un migliaio di pensionati comaschi», afferma Renato Quadroni, sindacalista Cgil e componente del Comitato provinciale Inps. «Se le somme sono state percepite indebitamente, è giusto restituirle - prosegue -  Siamo i primi a sostenerlo, come siamo sempre stati contrari ai condoni e alle sanatorie. Ma per le quattordicesime da restituire si sono incrociate disposizioni contraddittorie e non è stato lasciato il tempo per spiegare: l'abbiamo fatto presente, l'Inps ci ha dato ascolto».
L'antefatto: nel 2008, l'Inps ha corrisposto una «somma aggiuntiva per le pensioni basse», la cosiddetta quattordicesima, secondo la legge n.127 del 2007 e i beneficiari comaschi sarebbero stati 38.550, cioè tutti gli ultrasessantaquattrenni che disponevano di un reddito personale non superiore a 8.640,84 euro. Ora il parametro del reddito personale è aumentato a 8.998 euro. Gli importi erogati nel 2008: tra i 336 e i 504 euro. Sono passati gli anni e l'Inps non trova nei propri archivi il Red, cioè la dichiarazione reddituale del pensionato beneficiario. Aveva dato disposizioni agli ultrasettantenni di non presentarlo: ecco perché non c'è. «Inoltre, l'Inps non ha ancora perfezionato i propri collegamenti con l'Agenzia delle Entrate - continua Quadroni - e perciò deve chiedere il Red ai pensionati interessati».

g.roncoroni

© riproduzione riservata