Martedì 09 Agosto 2011

Oro e argento dalla Svizzera
Riparte il contrabbando

COMO Tre anni dopo il primo clamoroso sequestro di oro che diede il via a un filone d'inchiesta che ha portato alla luce - nella lettura di procura e fiamme gialle - un giro di contrabbando da 5 tonnellate, le forze dell'ordine tornano a mettere le mani su un piccolo tesoro. Argento, oro e contanti per quasi 1 milioni e mezzo di euro.
Il sequestro è stato compiuto nei giorni scorsi sull'A1, all'altezza di Arezzo. A fermare una Peugeot con a bordo un 35enne disoccupato napoletano sono stati gli uomini della polizia stradale di Arezzo. A bordo dell'auto gli agenti hanno trovato tre sacchi con 60 chili di argento in granuli, del valore di oltre 50mila euro, e verghe d'oro fino per un peso complessivo di 1,5 chili, pari a circa 60mila euro. Dietro ai pannelli degli sportelli posteriori dell'auto, poi, i poliziotti hanno pure trovato tantissimi contanti: 1 milione e 200mila euro, con ogni probabilità il ricavato di una cessione di metallo prezioso.
Per evitare l'arresto, l'uomo ha pure tentato di offrire il tesoretto agli agenti, prendendosi in cambio un'ulteriore accusa di tentata corruzione.

Leggi l'approfondimento su La Provincia in edicola martedì 9 agosto

a.savini

© riproduzione riservata