Mercoledì 10 Agosto 2011

Giovane ucciso a bottigliate
Tragedia della follia in Brianza

SOVICO Forse una lite per futili motivi sfociata in una tragedia inaudita: un giovane ucciso a colpi di bottiglia. E' successo a Sovico, in viale Brianza, di fronte al centro civico, davanti alla struttura che ospita alcune associazioni cittadine. Protagonisti della vicenda sarebbero cinque persone, tutte giovani, riunite tra loro per giocare a carte nei giardinetti. Una di queste ha colpito uno degli altri ragazzi alla gola con una bottiglia. Un gesto di efferata violenza sul quale stanno indagando adesso i carabinieri della compagnia di Monza che stanno cercando di chiarire la dinamica dell'incredibile episodio. Sul posto si sono recati anche gli agenti della Polizia locale di Macherio e Sovico. Sul campo del vicino centro sportivo è atterrato anche un elicottero dell'elisoccorso. Per il giovane, però, non c'è stato più niente da fare: è morto dissanguato nonostante gli amici avessero avvisato immediatamente il 118. La ricostruzione dei fatti è ancora confusa e non ci sono conferme ufficiali su cosa abbia scatenato una reazione così inaspettata. La vittima dell'omicidio è L.C., 18enne di Sovico. L'aggressore, invece, sarebbe un sudamericano minorenne residente a Vedano che, però, almeno per il momento, ha fatto perdere le sue tracce. I carabinieri, comunque, lo hanno identificato probabilmente grazie anche alle testimonianze dei ragazzi che erano insieme alla vittima e che sono stati portati in caserma a Biassono. Sul posto si sono radunati subito gli amici del giovane, quelli che spesso si trovavano con lui per passare qualche ora giocando a pallone o rimanendo insieme a scambiare quattro chiacchiere. Secondo alcuni amici il giovane nel prossimo mese di settembre avrebbe dovuto iniziare un corso di sei mesi in una scuola agraria.

f.angelini

© riproduzione riservata