Lunedì 24 Ottobre 2011

Bufera sulle aiuole a Como
Contratti scaduti da due anni

COMO Non bastavano i garage, gli appartamenti, i negozi e i locali gestiti in modo definito «anomalo» da buona parte dei componenti della commissione Patrimonio di Palazzo Cernezzi e che questa sera finiranno all'ordine del giorno del consiglio comunale. Ora si scopre che anche le aiuole e gli spazi verdi affidati a privati nella metà dei casi (13 su 24) hanno concessioni scadute. Anche da otto anni. E, da allora, non sono più state rinnovate. In qualche caso i privati da anni continuano a curarle perfettamente, in altri no.
A sollevare il caso è Marco Butti, consigliere comunale del Pdl, che ha chiesto chiarimenti con un'interrogazione al settore Giardini. «Il Settore Parchi e Giardini - scrive la dirigente Rossana Tosetti - sta attualmente provvedendo al controllo dei relativi atti, posto che molte delle convenzioni a suo tempo stipulate risultano scadute, alcune anche da molto tempo e necessitano pertanto di rinnovo, sempre che ne permangano le condizioni».
Dal canto suo Butti fa «un plauso ai privati che decidono di investire più di quanto previsto dalle tariffe pubblicitarie e aiutano a mantenere in ordine zone che l'amministrazione ha dimenticato», ma poi lancia la stoccata: «Fa sorridere che ci siano situazioni critiche mai curate. Il settore dice che farà uno studio, ma deve essere molto celere, non c'è da studiare ma da intervenire».

Leggi l'approfondimento su La Provincia in edicola lunedì 24 ottobre

a.savini

© riproduzione riservata