Mercoledì 26 Ottobre 2011

L'assessore salta su affittopoli
Cenetiempo: "Mi dimetto"

COMO - Il giorno dopo la sfiducia (la seconda) incassata dal consiglio comunale (18 voti su 22 presenti, un contrario e 3 astenuti), l'assessore al Patrimonio Enrico Cenetiempo annuncia l'intenzione di rimettere il mandato nelle mani del sindaco Stefano Bruni. Lunedì sera in aula era presente la minoranza, il gruppo Forza Como-Autonomia liberale e tre consiglieri del gruppo misto (Ghirri, Pastore e Buono). Hanno risposto all'appello (incassando il relativo gettone), ma poi non hanno partecipato al voto i due leghisti e il pidiellino Giannattasio. Tutto il resto del Pdl (sindaco incluso) aveva invece annunciato che non avrebbe preso parte al consiglio per evitare uno spreco di soldi.
«Prendo atto - ha detto ieri Cenetiempo - che quasi metà del consiglio comunale ha ritenuto il mio operato inefficiente e mi rattrista solo il fatto che nessuno è intervenuto, ha discusso o ha voluto ascoltare le risposte alle domande. Tutto si è risolto nel giro di un'ora. Sono dimissioni non irrevocabili, non perché voglio stare lì, ma perché non ritengo di aver operato male».

Leggete l'approfondimento su "La Provincia" in edicola oggi (mercoledì 26 ottobre)

p.berra

© riproduzione riservata