Sabato 12 Novembre 2011

Lavori a Villa Olmo
Passeggiata chiusa

COMO La passeggiata è incantevole, specialmente con questi colori d'autunno. Conduce dallo stadio a Villa Olmo ed è intitolata a Lino Gelpi, il sindaco che l'ha voluta, a costo di mettersi contro tutti i notabili di Como. Ora quel tratto di strada chiuderà per mesi e mesi, ma per rimetterla in sesto.
Il più contento di tutti è l'assessore ai Lavori pubblici Stefano Molinari, titolare della delega peggiore nel momento peggiore. Crisi, pochi soldi, città a tocchi.
E invece questa volta la notizia è buona. Il Comune ha trovato 300mila euro per procedere alla risistemazione dei muri a lago che sostengono la passeggiata di Villa Olmo, uno dei gioielli simboli del capoluogo:«Abbiamo voluto aspettare la conclusione della stagione estiva per cercare di limitare il più possibile i disagi - commenta Molinari - Ma adesso possiamo finalmente partire... Ed è un intervento che ci consentirà il recupero di una delle zone cittadine più belle».
Si inizia lunedì mattina. L'impresa che eseguirà i lavori - la Acquistapace di Gerola (Sondrio) - è stata individuata con procedura negoziata con il criterio del prezzo più basso sull'elenco prezzi posto a base di gara (ha vinto con un ribasso del 17,32%) e l'importo sarà finanziato attraverso un mutuo.
Il progetto è a cura degli uffici tecnici comunali, i cui ingegneri, geometri e architetti hanno stilato un elenco di priorità che, oltre ai muri di sostegno, contempla anche la posa di nuova pavimentazione (resterà, ovviamente, il porfido). In particolare, ha annunciato ieri l'ufficio stampa del palazzo, si interverrà con lavori di carattere strutturale sulla scala a lago di Villa Gallia e sul tratto di muro di fronte a Villa Parravicini, con opere di manutenzione che riguarderanno anche i parapetti. Per rendere più sicuro il cantiere, è stata decisa la chiusura del tratto di passeggiata da villa Parravicini a Villa Saporiti, ivi compresa piazzetta Mojana.

Leggi l'approfondimento su La Provincia in edicola venerdì 12 novembre

a.savini

© riproduzione riservata