Martedì 06 Dicembre 2011

Sospettato di riciclaggio
Avvocato si toglie la vita

COMO Si è tolto la vita lunedì nella sua abitazione di Lugano, il professionista ticinese Daniele Borelli, 51 anni, notaio e avvocato, il cui nome era emerso nell'ambito dell'indagine dell'antimafia di Milano culminata, la scorsa settimana, nell'arresto, tra gli altri, del penalista Vincenzo Minasi, casa a Fino Mornasco, studio a Como in via Varesina.
La morte di Borelli, che a quanto pare si sarebbe impiccato, sta scatenando oltre confine un discreto putiferio. Il suo nome era stato associato a quello di Minasi con particolare riguardo a un passaggio dell'ordinanza di arresto in cui i pm della Dda registravano un «consistente riciclaggio» di denaro di dubbia provenienza ('ndrangheta?) attraverso canali ticinesi e, in particolare, proprio con il ruolo «consapevole» di Borelli.

Leggi l'approfondimento su La Provincia in edicola mercoledì 7 dicembre

a.savini

© riproduzione riservata