Martedì 17 Gennaio 2012

Caro posti auto a Como
Altri 150 a pagamento

COMO Parcheggi, mini-rivoluzione in città. Sono cinque le modifiche previste da Palazzo Cernezzi, per un totale di circa 150 posti blu in arrivo. Almeno un terzo dei nuovi stalli a pagamento sostituiranno spazi di sosta attualmente gratuiti. E mentre il Comune annuncia i cambiamenti, Csu rende note le statistiche aggiornate sull'effetto delle misure varate dieci mesi fa dalla stessa amministrazione (la revisione al rialzo delle tariffe in centro e nella zona dello stadio): c'è stata una maggiore rotazione, visto che i ticket emessi dai parcometri sono aumentati del 16%.
La prima novità riguarda il parcheggio a raso in piazzale Duca D'Aosta, oggi dotato di un'ottantina di posti con strisce bianche. A brevissimo (il provvedimento verrà analizzato domani dalla giunta) il 50% degli stalli diverrà a pagamento, mentre l'altro 50% non verrà toccato. La modifica è  legata al trasferimento della caserma dei carabinieri nell'immobile dell'ex distretto militare ma ha già suscitato malumori tra i cittadini. Anche la seconda modifica studiata dal Comune nasce dal "trasloco" dell'Arma. In via Borgovico, proprio davanti alla vecchia sede del comando provinciale, spunteranno infatti altri posti delimitati da strisce blu, visto che non è più necessario di riservarne una quota ai militari. L'area, tra l'altro, era già finita al centro delle polemiche per la tariffa record (2,20 euro il costo di un'ora di sosta).
Modifiche in vista anche a due passi dall'area dell'ex Ticosa, con l'obiettivo di sopperire alla cancellazione del maxi parcheggio (sono in corso le operazioni di bonifica del sottosuolo). Il settore Mobilità di Palazzo Cernezzi mira a ricavare quaranta posti blu lungo via Regina, eliminando - almeno per qualche mese - una parte degli spazi finora riservati ai pullman turistici. Inoltre, i tecnici stanno valutando la possibilità di creare una cinquantina di stalli a pagamento nell'area comunale occupata in passato dall'autosoccorso Lauria, dopo il cimitero monumentale (la fattibilità dell'operazione è al vaglio del settore Patrimonio).

Leggi l'approfondimento su La Provincia in edicola martedì 17 gennaio

a.savini

© riproduzione riservata