Martedì 17 Gennaio 2012

Casa in centro per investire
Buoni affari a Ponte Chiasso

Sta per essere bruciata la diminuzione dei prezzi delle case a Como (-1,1%) che, secondo l'Osservatorio di Tecnocasa, si era verificata nel primo semestre del 2011.
La tendenza annunciata per quest'anno è di nuovo al rialzo, fino a due punti percentuali, e ciò accadrà - dice Marco Doneda, presidente dei costruttori comaschi - «in un anno, il 2012, in cui prevediamo che per il settore non ci sarà nessuna ripresa».Anche nei mesi in cui i prezzi calavano, di case a Como se ne vendevano sempre meno.
A crescere costantemente, invece, è la richiesta d'affitto di bi e trilocali da parte di famiglie e giovani coppie, sintomo della forte difficoltà a ottenere mutui bancari.
Anche Ance Como, spiega Doneda, fra circa un mese presenterà i risultati di un'indagine commissionata al Cresme per capire quali sono le nuove possibilità del settore nelle diverse zone del Comasco «anche se - dice Doneda - i prezzi resteranno condizionati da quelli delle aree, della manodopera e dei materiali. Senza contare che si costruisce sempre più in classe alta, il che incide sui costi».
«A muoversi sul mercato in questo periodo - si legge nell'indagine - sono soprattutto acquirenti alla ricerca della prima casa e indirizzati su bi e trilocali. Però in centro si registra anche una discreta domanda di immobili ad uso investimento e chi acquista per investire impiega capitali compresi fra i 150 e i 250.000 euro per bilocali da affittare a 600-900 euro al mese».
Tutti i dati sul numero del giornale in edicola.

e.conca

© riproduzione riservata