Martedì 24 Gennaio 2012

Ticosa, c'è ancora amianto
Altra cisterna nel sottosuolo

COMO La cisterna ritrovata nel sottosuolo della Ticosa contiene «tre metri cubi di acquaragia lì da almeno trent'anni», cioè l'equivalente di tremila litri. E potrebbe non essere la sola. Lo ha detto ieri il direttore dei lavori della bonifica in corso nell'area occupata dalla vecchia fabbrica. «Le analisi con i georadar ci diranno se ci sono altre cisterne, anche se una seconda  già risulta».

La cisterna finora individuata si trova nella parte a ridosso di via Regina e all'esterno c'è una targhetta con scritto «solvente S». La messa in sicurezza e lo smantellamento richiederanno un paio di settimane. Un'eventuale perdita di materiale, che potrebbe aver inquinato anche la falda sottostante, si potrà rilevare solo dopo aver ispezionato la cisterna.

Una grana non di poco conto è rappresentata dagli inerti ritrovati che contengono anche quantità di amianto. Lo stesso direttore lavori ha ammesso: «Non era previsto di trovare amianto perché l'area era già stata bonificata negli anni scorsi».
 
Approfondimenti sul quotidiano La Provincia in edicola oggi, martedì 24 gennaio

p.moretti

© riproduzione riservata