Lunedì 16 Aprile 2012

Scuola, si gioca a bocce
per imparare la matematica

Gli alunni di classe quarta e quinta delle Scuole Primarie di Caslino al Piano e di Cadorago, hanno avuto la possibilità di avvicinarsi ad una disciplina sportiva considerata "secondaria, minore e non da ragazzi".
Tutto questo è stato possibile con la realizzazione del progetto "Junior Bocce" organizzato dalla  FIB (Federazione Italiana Bocce) proposto dal Comitato Regionale Lombardia, settore scuola. I ragazzi hanno accolto questa attività sportiva come un'occasione unica mettendoci impegno ed entusiasmo. Attraverso specifici strumenti e percorsi didattici e basandosi sul principio "educare divertendo", gli istruttori-educatori qualificati, frequentanti la bocciofila di Cadorago, hanno affiancato gli alunni in questo percorso  permettendo loro di conoscere meglio una parte del "territorio" nel quale vivono.
Le mirate attività ludico-didattiche non solo hanno permesso di apprendere le regole base di questo sport, ma hanno contribuito in modo formativo in quanto nei giochi gli alunni dovevano ricorrere ad abilità logico-matematiche, a nozioni geometriche in pieno accordo con il programma didattico. Tale progetto si è rivelato veramente una "scuola/palestra di vita", dove la lealtà, l'autocontrollo, la concentrazione, il corretto spirito di competizione con se stessi e gli altri, l'imparare a gestire emotivamente sia il successo sia l'insuccesso, la capacità di relazionarsi, la valenza educativa del fare squadra, l'impegnarsi per raggiungere una meta, sono stati elementi imprescindibili dalla coordinazione dinamica generale. Approcciandosi a questo sport i ragazzi hanno anche capito che l'abilità può avere la meglio sulla resistenza, l'intelligenza sopperisce alla diversa conformazione fisica ed atletica e che il saper prendere una decisione è fondamentale.
In questo progetto innovativo il Coni Regionale della Lombardia ha riconosciuto la validità formativa, una modalità originale che coniuga la disciplina sportiva delle bocce con la formazione del ragazzo. A conclusione del Progetto è prevista la realizzazione di un festa finale e un torneo interscolastico tra le scuole.
Le insegnanti di Caslino al Piano

p.berra

© riproduzione riservata