Giovedì 19 Aprile 2012

Lungolago di Como
Nuova palizzata per l'estate

COMO Un altro pezzo di lungolago sta scomparendo alla vista: è il tratto che, in prosecuzione delle palizzate del secondo lotto, nella zona est, arriverà fino all'altezza del Tassell.
Cinquanta metri di nuova palizzata, gradualmente, si alzeranno tra piazza Cavour e il panorama; un chiodo d'acciaio, infisso tra i cubetti di porfido del marciapiede, prefigura la lunghezza della barriera da "lavori in corso" tra la città e il lago. Ieri sono state montate le griglie di acciaio che arrivano fino alla biglietteria della Navigazione, chiusa e abbandonata da venerdì, con trasferimento del servizio nel prefabbricato vicino all'ex parco Zambrotta. E anche il pontile centrale, il numero tre, si dondola nell'abbandono, in attesa del colpo di scure che lo taglierà. I viaggiatori utilizzano i pontili uno, a est, e i pontili quattro e cinque a ovest, ma ancora in tanti non lo sanno e hanno l'aria disorientata. Sono già pronte le lastre di legno per delimitare il cantiere che si occuperà di abbattere la biglietteria, l'imbarcadero e la storica scala, il cui primo tratto è già stato abbattuto. Rimossi i gradoni di pietra e trasportati in magazzino via lago, rimane un cumulo di macerie contro il muro. Dovrà essere rimosso, le acque del lago saranno risucchiate, sarà riempito lo spazio prosciugato e sarà realizzato un altro tratto della nuova passeggiata, con lo stesso procedimento già messo in atto per il tratto est ed ovest. Gli interrogativi sono concentrati sui panconi mobili da mettere in opera a mano in caso di piena.
Le palancole, in acqua ormai da un anno e mezzo, delimitano l'area operativa e segnano il perimetro tra la nuova passeggiata e il lago. Gli operai dell'impresa Sacaim ieri erano regolarmente al lavoro e lavoravano sodo, nonostante la pioggia, sotto gli occhi di migliaia di passanti, a piedi o in automobile, comaschi e forestieri e tutti notano che il cantiere sta avanzando con la stagione turistica.

Leggi l'approfondimento su La Provincia in edicola giovedì 19 aprile

a.savini

© riproduzione riservata