Venerdì 22 Giugno 2012

Ferito nella lite per il calcio
L'agente trasferito a Lugano

COMO Ha lasciato l'ospedale Sant'Anna a bordo di un'ambulanza svizzera. Ed è stato trasferito a Lugano. Ma restano sempre gravissime le condizioni dell'agente di polizia svizzero rimasto coinvolto in un violento diverbio per motivi calcistici con un giovane pregiudicato di Ponte Chiasso.

Il trasferimento è stato deciso doop tre settimane trascorse in rianimazione. L'agente elvetico, 62 anni, è uscito dal coma, ma a causa del trauma cranico ha riportato lesioni cerebrali gravissime, che i medici temono possano essere irreversibili.

L'agente aveva riportato un terribile trauma alla testa nella caduta al suolo in piazza XXIV Maggio, dopo la spinta rimediata dal giovane con cui aveva litigato. L'inchiesta della polizia di frontiera ha permesso di scoprire che la lite tra il poliziotto e il pregiudicato di 33 anni, già noto alle forze dell'ordine per qualche piccolo furtarello e per problemi con la droga, sarebbe nata in seguito a un diverbio calcistico. Oggetto del contendere, in particolare, la partita amichevole persa prima dell'inizio degli Europei a Zurigo dalla Nazionale di Prandelli contro la Russia.

p.moretti

© riproduzione riservata