Venerdì 03 Agosto 2012

Città in coda
a passo d'uomo

COMO Tutti a passo d'uomo, dal lungolago a via Napoleona fino alla piana di Lazzago.
I cantieri estivi - riposizionamento di griglie in viale Innocenzo XI, pulizia dei tombini in piazza Cavour - hanno presentato il conto.
Giovedì mattina è stata impossibile. Iniziata male, al pari di ogni giornata che segua una festività svizzera, con la riapertura della dogana commerciale. I primi effetti si sono registrati in autostrada, con una coda chilometrica composta in larga misura da tir e mezzi pesanti. Ripercussioni sulla viabilità ordinaria a Lazzago e, soprattutto, a Monte Olimpino, dove i vigili urbani sono intervenuti per aiutare un autoarticolato che aveva sbagliato strada, restando bloccato in via Bellinzona. Mezz'ora di coda immobile in via Bixio e, ovviamente, anche lungo la via per San Fermo, sulla corsia discendente verso Como.
Qualche grattacapo, in contemporanea, lo creava anche il restringimento di viale Innocenzo XI, per le nuove griglie, e una massa di veicoli diretti verso il capoluogo, senz'altro sproporzionata rispetto agli standard di un mese d'agosto generalmente meno trafficato. Da rivedere, invece, il restringimento delle corsie di marcia sul lungolago, proprio di fronte a piazza Cavour, dove da alcuni giorni erano programmati una serie di interventi per la pulizia della tombinatura, i cui effetti i comaschi conoscono bene (specie quando piove).
Il cantiere, che si protrarrà anche nella giornata di venerdì, ha avuto riflessi pesanti sulla mobilità di tutto il Girone, con code, a ritroso, fino a viale Lecco e viale Cattaneo e con qualche polemica. Bene avrebbe fatto il Comune a deviare gli autobus in via Cairoli, regalando di fatto una corsia in più agli automobilisti. Venerdì si replica.

a.savini

© riproduzione riservata