Martedì 11 Settembre 2012

Como: «Date al Comune
il vostro cinque per mille»

COMO «Cari comaschi, destinate al vostro Comune il cinque per mille».
A lanciare l'inedito appello è l'assessore al Bilancio Giulia Pusterla. Commercialista di professione, Pusterla negli ultimi giorni ha notato che moltissimi cittadini non indicano alcun beneficiario nella dichiarazione dei redditi e il risultato è che quei soldi restano allo Stato.
«Invito tutti - afferma l'assessore - a valutare seriamente questa opportunità, l'avrei fatto anche in una situazione florida per il Comune ma credo che il messaggio sia ancora più importante considerando i problemi di risorse di questo periodo».
La dichiarazione dei redditi va presentata entro il prossimo 30 settembre e Pusterla chiede esplicitamente ai comaschi di mettere una firma vicino alla casella con la scritta «Sostegno alle attività sociali svolte dal Comune di residenza del contribuente». In questo modo il 5 per mille dell'Irpef finirà nelle casse dell'amministrazione e verrà utilizzato - è un obbligo di legge - per interventi nel campo sociale (la cifra incassata l'anno scorso, per esempio, è servita a finanziare un intervento di accoglienza per minori in difficoltà).
L'obiettivo è invertire la rotta rispetto al recente passato, visto che finora è sempre stata molto esiguo il numero di contribuenti disposti a "premiare" Palazzo Cernezzi. Sulla base delle dichiarazioni dei redditi del 2009, il Comune l'anno scorso ha ottenuto con il cinque per mille soltanto 14.363,61 euro ed è stato scelto da 430 cittadini. Ancora più bassa la cifra che verrà incassata quest'anno (dichiarazioni del 2010, redditi 2009): poco più di 11mila euro (11.698,83 euro per la precisione) grazie ai 401 comaschi che hanno scelto l'amministrazione come destinataria del cinque per mille.

Il commento: "Fate la carità a palazzo Cernezzi"

Leggi il dettaglio su "La Provincia" dell'11 settembre

f.angelini

© riproduzione riservata