Lunedì 17 Settembre 2012

Como, aggressione in Questura
Detenuto si avventa su agente

COMO Ha chiesto di poter andare in bagno e quando l'agente della polizia locale ha aperto la camera di sicurezza, dov'era rinchiuso da sabato pomeriggio, lo ha aggredito con una violenza e una furia che hanno colto di sorpresa il vigile. Lo sventurato è stato gettato contro lo stipite della cella nei sotterranei della questura e colpito ripetutamente con la porta in ferro della camera di sicurezza.

Quindi ha tentato di disarmarlo, ma è stato fermato dalla reazione dello stesso vigile e dall'intervento di altri agenti che lo hanno immobilizzato.

Il risultato è stato: il vigile finito in pronto soccorso con trauma cranico, toracico e a un braccio.

E' da alcuni giorni che il giovane marocchino dà lavoro alle forze dell'ordine in città, al punto di essere l'autore di un piccolo record: tre processi in appena cinque giorni. Il primo, per resistenza, lesioni e danneggiamento, venerdì: il giorno prima era stato sorpreso a fingere investimenti in tangenziale, davanti al Quarto Ponte.

Il secondo lunedì, sempre per resistenza, lesioni e danneggiamento: in via Cesare Cantù, sabato mattina, il giovane ha dato spettacolo e all'arrivo dei vigili ha brandito il suo braccio ingessato come un'arma, colpendo due agenti della polizia locale.

Martedì ritornerà in aula per il terzo processo, ovvero l'aggressione al vigile.

p.moretti

© riproduzione riservata