Venerdì 11 Gennaio 2013

Archeologo comasco
scopre una necropoli

COMO È come entrare in casa di qualcuno 4mila anni dopo e scoprire, pezzo dopo pezzo, com'era la sua vita.
La molla che spinge Angelo Sesana a scavare è questa: «Riportare in vita qualcuno che 4000 anni fa cercava l'immortalità».
Ieri ci è riuscito. L'archeologo comasco, capo della missione del centro di egittologia Francesco Ballerini, ha scoperto una necropoli risalente al 1075-664 avanti Cristo all'interno della tempio di Amenhotep II della diciottesima dinastia, situato sulla riva occidentale a Luxor. La notizia è stata data dal ministro delle antichità egiziano Mohamed Ibrahim. Nelle tombe sono stati rinvenuti resti di bare in legno con decorazioni in rosso e nero e dodici vasi canopi raffiguranti i quattro figli di Horus.
«Un'emozione grandissima» ha commentato Sesana che ogni anno, in questo periodo, lascia il suo lavoro al collegio Gallio per andare in Egitto.

Leggi l'approfondimento su La Provincia in edicola venerdì 11 dicembre

a.savini

© riproduzione riservata