Lunedì 18 Febbraio 2013

«Com'è brutta
la mia Mariano»

MARIANO«Basta degrado! Adottiamo il centro storico di Mariano». L'appello arriva da un ex residente, Carlo Manzoni, rimasto traumatizzato da quanto visto nel cuore della città dove è tornato per una visita dopo alcuni anni.

Lo choc è stato talmente forte da sentirsi in dovere di scrivere al nostro giornale per lanciare un appello che arrivi, prima ancora che ai politici, alle persone che Mariano la vivono e la abitano.

Proprio come a Como, dove un altro lettore - Roberto Lamperti - ha promosso l'idea di una colletta tra i privati per raccogliere fondi da destinare a progetti che rendano più bella piazza Cavour e il centro, anche in questo caso il desiderio di riscatto parte dall'indignazione della gente comune.

Perché i problemi sono tanti, come evidenzia Manzoni: «Il centro storico di Mariano, che dovrebbe essere il volto di una comunità è una profonda desolazione - scrive - Ho sempre conservato dei bei ricordi della città dove sono nato e cresciuto, ma oggi percorrendo via Santo Stefano, proprio nella piazza antistante la prepositurale e lo storico battistero, ho avuto l'impressione di camminare in una qualsiasi via di periferia».

Il disagio è cresciuto passo dopo passo: «Piazza Roma è l'immagine di una piazza di paese, scorcio di un passato florido che però non ha saputo aprirsi al presente».

Manzoni ha una convinzione: «Mariano è di fronte a un momento epocale: la scommessa di rilancio del centro storico si gioca proprio ora - assicura - È così impensabile attuare politiche che agevolino in modo deciso soggetti intenzionati a investire per il rilancio del centro? Bisognerebbe pensare a come dare la possibilità ai giovani di vivere la piazza, magari incentivandoli ad aprire un'attività nelle vie del centro per attrarre dei coetanei».

e.romano

© riproduzione riservata