Lunedì 22 Aprile 2013

Proteste per lo spartitraffico
Lucini: resta così, chiesto da voi

COMO «Lo spartitraffico di via Segantini, a Sagnino, l'hanno chiesto i residenti. Quindi resta dov'è». Il sindaco Mario Lucini smorza sul nascere ogni protesta.
L'isola pedonale è stata fatta perché i residenti si lamentavano per la pericolosità dell'attraversare in quel punto.
Eppure, appena fatto, lo spartitraffico ha sollevato un coro di proteste. Tanto il paletto di via Briantea e lo spartitraffico di Villa Olmo.
Si sono infatti lamentati Filippo e Alfonso Trapanese che abitano in via Quasimodo a Sagnino dicendo che lo spartitraffico è attaccato proprio all'ingresso della loro via e loro non riescono più a uscire e entrare dalla loro casa se non facendo un sacco di manovre. Mario Prandini si è lamentato perché l'isola è mal illuminata e non segnalata bene. In più la strada si è ristretta, come ha sottolineato Mario Prandini. E i bus, come ha sottolineato Ernestino Sanviti passano a fatica toccando spesso con la ruota posteriore. In più, come ha rimarcato Luisa Ivagnes, lo spartitraffico non è sufficiente per far rallentare le auto. E in ogni caso, la velocità andava limitata in via Quasimodo dopo il civivo 15, secondo Raffaele Prisco.

Leggi le due pagine sui quartieri su La Provincia in edicola lunedì 22 aprile

a.savini

© riproduzione riservata