Venerdì 17 Maggio 2013

Inchiesta sulla Sanità
Dirigente Asl indagata

COMO Associazione a delinquere e corruzione. Nuova tegola sui vertici dell'Asl comasca. Dopo gli arresti domiciliari, nel gennaio scorso, del direttore amministrativo Giancarlo Bortolotti, indagato per corruzione e turbativa d'asta in un'inchiesta a Milano su presunti appalti truccati per la fornitura di auto a noleggio, un'altra dirigente della sanità comasca finisce nei guai con la giustizia.

Si tratta di Alessandra Maria Massei, 52 anni, dirigente dell'area amministrativa dell'Asl di Como: per lei la procura di Milano ha chiesto il processo con l'ex governatore lombardo Roberto Formigoni, Pierangelo Daccò e altre 14 persone indagate per lo scandalo Maugeri. Un'inchiesta che non tocca l'Asl comasca.

Secondo la magistratura milanese Alessandra Massei sarebbe stata una «collaboratrice di Daccò» assunta dalla Fondazione Maugeri con il ruolo di direttore amministrativo della struttura di Milano «su richiesta» dello stesso Daccò e, successivamente, «nominata su iniziativa di Daccò e Formigoni, nonostante il parere contrario dell'assessore alla Sanità, dirigente alla direzione generale della sanità» in Regione Lombardia. E proprio in questo ruolo avrebbe agevolato l'iter per la concessione dell'accreditamento a un paio di strutture della Maugeri.

m.butti

© riproduzione riservata