Mercoledì 29 Maggio 2013

La pneumolgo: «Fanno male
le sigarette elettroniche»

COMO L'utilizzo della sigaretta elettronica come strumento per abbattere i danni del fumo continua a dividere medici ed esperti.

Un nuovo documento di studio condiviso dell'associazione italiana pneumologi ospedalieri (Aipo) e della società di medicina respiratoria (SIMer) riporta che non ci sono al momento supporti scientifici per approvare il suo utilizzo come alternativa sicura alla sigaretta tradizionale a base di tabacco.
«Allo stato attuale delle conoscenze scientifiche non si hanno garanzie in merito alla qualità delle sigarette elettroniche – spiega Anna Maspero, direttore dell'unità di pneumologia dell'ospedale Sant'Anna – non ci sono garanzie di qualità nei processi di fabbricazione e di utilizzo».
«Questi strumenti non sono sottoposti a verifiche indipendenti e i test preliminari condotti su due delle principali marche di sigarette elettroniche hanno riscontrato la presenza di dietilenglicole, una sostanza nociva che può provocare infiammazioni polmonari».
Nessuna certezza che la sigaretta elettronica sia un'alternativa sicura al momento, ecco perché è giusto che i fumatori che dalla bionda tradizionale passano a questa novità siano consapevoli dei potenziali danni alla salute. SDubbi anche dell'istituto superiore della sanità.

leggi l'approfondimento su La Provincia in edicola mercoledì 29 maggio

a.savini

© riproduzione riservata