Lunedì 06 Luglio 2009

Spunta la coincidenza crudele:
alla guida dell'auto una loro amica

Al dolore si aggiunge altro dolore. Come se il destino non si fosse accanito già abbastanza. Gli amici di Andrea Edera e Danny Mancuso, i due ragazzi morti nell’incidente stradale di venerdì notte a Ponte Chiasso, scuotono la testa mentre confermano la notizia emersa nelle ultime ore: alla guida dell’automobile coinvolta nello schianto c’era una ragazza che conosceva Andrea, di nome Michela. Una coincidenza terribile. La giovane (23 anni, rimasta illesa) e Andrea frequentavano lo stesso bar. Si vedevano spesso la sera e anche le famiglie dei due giovani si conoscono da parecchio tempo. Cresciuta a Cernobbio, la 23enne vive a poca distanza dal luogo in cui è avvenuta la tragedia. Era quasi arrivata a casa, quando in via Brogeda la sua Golf si è scontrata frontalmente con la moto di grossa cilindrata su cui viaggiavano Andrea e Danny. Sarà l’inchiesta a chiarire la dinamica dell’incidente, per ora le uniche due certezze sono lo schianto mortale e il dolore di Michela, che venerdì notte è stata accompagnata al Valduce, in stato di choc. Al trauma di un incidente così grave, si è poi aggiunta l’angoscia e la disperazione per aver riconosciuto, steso a terra, Andrea Edera, 24 anni, insieme al ventunenne Danny Mancuso.
L’atroce coincidenza, come detto, è venuta alla luce soltanto ieri. E ha lasciato di stucco gli amici dei due giovani che hanno perso la vita. Poi, sono arrivate le conferme. La notizia si è diffusa rapidamente a Cernobbio, suscitando sgomento e costernazione. «Sì, alla guida dell’auto c’era una ragazza che conosceva Andrea», hanno raccontato diversi giovani, mentre sistemavano sul guard rail vicino al luogo dello schianto un mazzo di fiori. Sotto il ponte dell’Autolaghi, in via Brogeda, è proseguito infatti anche ieri il pellegrinaggio di amici e conoscenti, che hanno portato fiori e fotografie per ricordare Andrea e Danny.
E su «Facebook» il flusso dei messaggi non si è arrestato. Il gruppo creato per ricordare i due amici tragicamente scomparsi ha quasi raggiunto quota 600 iscritti. Anche la sorella di Danny, Alexia, ha voluto pubblicare un messaggio: «Andre, prenditi cura di mio fratello - scrive - Danny, non sai quanto mi manchi, sento la tua voce e vedo il tuo sorriso dappertutto... Siete cresciuti in insieme, quello che faceva uno faceva pure l’altro e ve ne siete andati insieme... Ovunque sei, ricordati che ti voglio un casino di bene e sarai sempre nel mio cuore e in quello di tutti quelli che ti vogliono bene». «Ringrazio tutti – aggiunge Alexia – per aver creato questo gruppo per ricordare mio fratello Danny e il suo amico Andrea. Grazie mille da parte mia e della mia famiglia». Su Facebook sono comparse anche decine di foto dei due ragazzi. Sorridenti, come tutti li descrivono e li ricorderanno.
Michele Sada

a.cavalcanti

© riproduzione riservata