Caleffi libera: «Ha pagato il suo conto»  La rabbia dei parenti delle vittime
Sonya Caleffi al processo a Lecco, nel 2006 (Foto by Menegazzo Sandro)

Caleffi libera: «Ha pagato il suo conto»

La rabbia dei parenti delle vittime

L’infermiera condannata per avere ucciso 4 pazienti è tornata in libertà dopo 14 anni. Reazioni ovviamente contrastanti tra legali e parenti delle vittime

Sonya Caleffi, “l’infermiera killer” delle cronache locali e nazionali, condannata per avere ucciso cinque pazienti, è una donna libera. Ma per i familiari delle vittime è difficile accettare che dopo 14 anni la giustizia consideri chiusi i conti: «E’ una donna che se ne va libera per il mondo – commenta Ester Goggia, nipote di una delle vittime – come me e come lei con cui sto parlando. Solo che noi non abbiamo sulle spalle cinque omicidi».

Dall’altra parte il suo legale Renato Papa sottolinea che «Sonya Caleffi ha pagato, e ora la giustizia riconosce che il percorso fatto da questa donna è stato proficuo e merita di essere concluso. Il meccanismo della giustizia a questo punto può dirsi soddisfatto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA