Vietato fumare  sul lungolago di Bellagio

Vietato fumare
sul lungolago di Bellagio

Conclusi i lavori della passeggiata, Barindelli punta su decoro e salute per la prossima stagione turistica

Divieto di fumo anche all’aperto e di camminare a torso nudo in paese.

L’amministrazione di Bellagio vuole mettere a punto un nuovo regolamento comunale più restrittivo su cui s’inizierà a lavorare finita la stagione estiva. Negli intenti, il divieto di fumo verrà esteso a diverse aree ritenute d’interesse pubblico: parchi, lungolago e portici, mentre il torso nudo sarà vietato ovunque. Misure che portano Bellagio a cercare un turismo sempre più di qualità.

Il sindaco Angelo Barindelli parla di una località come è la “perla del Lario” che negli anni è cambiata, e che oggi si presenta con un lungolago praticamente rifatto e i 400nuovi posti auto ottenuti in gran parte convertendo gli oneri di urbanizzazione del Grande Bretagne.

«Finita la stagione turistica metteremo mano al regolamento di polizia urbana, l’anno prossimo non vogliamo più vedere persone in costume o a torso nudo nel Borgo. Anche il lungolago non deve diventare un’area per bagnanti; per loro ci sono il Lido e tante spiagge. Credo sia una scelta dovuto per garantire un maggiore decoro».

Niente torso nudo ma anche divieto di fumo nel regolamento che si andrà ad elaborare: «Il divieto di fumare è già attivo nel parco di San Giovanni, ci sembra una soluzione interessante da estendere in altre zone, al parco del Borgo, al lungolago ed ai portici di Piazza Mazzini. Non vedremo più mozziconi per terra e tuteleremo in un colpo solo la salute delle persone e la natura».


© RIPRODUZIONE RISERVATA