Martedì 01 Luglio 2014

La salute d’estate

si coltiva con il peperoncino

La passione per il piccante dilaga e, per farsi l’arrabbiata o la puttanesca, molti italiani ormai scelgono l’idea di coltivare i peperoncini in proprio. Del resto queste bacche brucianti oltre che buone, sono decorative e fanno bene alla salute! E sì, di salute si può proprio parlare, perché recenti studi attribuiscono alla capsaicina, la sostanza piccante contenuta nei peperoncini, effetti sempre più interessanti. Secondo ricercatori della Purdue University di Indianapolis, mangiare peperoncino può aiutare a ridurre l’appetito nei confronti sia dei cibi salati che di quelli dolci e questo può risultare di grande aiuto per evitare gli eccessi di cibo estivo. E ancora, in uno studio pubblicato in Alimentari Pharmacolology e Therapeutics, il peperoncino viene indicato anche come ottimo coadiuvante nel lenire le dispepsie, (bruciori di stomaco). Secondo un’indagine della Di Meo’s chili peppers plants tra i propri clienti appassionati del pollice verde, sono più del 5 % quelli che scelgono il piacere di piantare in giardino o sul balcone, assieme ai fiori le piante di peperoncino.

Per quanto riguarda l’effetto ornamentale i frutti di alcune varietà hanno forme curiose e colori affascinanti. Insomma la coltivazione del peperoncino è un hobby coinvolgente perché piace alla mente, fa bene al corpo e soddisfa il gusto.

Coltivarli è facilissimo, basta disporre di un’aiola o di un vaso, acquistare delle piantine, porle a dimora e, con un po’ d’acqua e di pazienza il gioco è fatto. Procurarsi le piante del resto al giorno d’oggi è comodissimo e, al di là di rivolgersi ai tradizionali centri di giardinaggio, è possibile farsele recapitare a casadigitando semplicemente alcune parole chiave sul motore di ricerca del computer quali, ad esempio: “vendita piantine peperoncino piccante “ per trovare decine di offerte di e-commerce che, per pochi euro a pianta (4 - 6 € più il trasporto), recapitano a casa piante pronte a fruttificare.

© riproduzione riservata