Laze Suat infortunato
Niente match tricolore

«Mi sono rimesso in pista questi giorni con l’allenamento, dopo un periodo sfortunato»

Laze Suat infortunato Niente match tricolore
BOXE - Suat Laze con Davide Leoni (a sinistra) e Douglas Leon (a destra)
(Foto di lariosport lariosport)

La cintura dei pesi piuma l’ha indossata, metaforicamente parlando, poco più di dieci mesi: un infortunio lo ha infatti costretto a dare forfait nel match per la conferma del titolo italiano. Ma ora Suat Laze, 41 anni a febbraio, pugile comasco di origini albanesi, ha voglia di ricominciare.

E di tornare a combattere, per riprendersi ciò che – a suo dire – gli è stato sottratto: «Mi sono rimesso in pista questi giorni con l’allenamento, dopo un periodo sfortunato. Avrei dovuto affrontare a Marina di Massa lo sfidante ufficiale proposto dalla Federboxe, Davide Tassi. Ma, a pochi giorni dal combattimento, mi sono infortunato a un polso in allenamento. E così, al posto mio, la Federazione ha chiamato un altro pugile. È chiaro che io non l’abbia affatto presa bene…».

Aveva chiesto un rinvio, ma non c’è stato nulla da fare. La serata – che ha ospitato anche il match per la cintura italiana dei pesi mosca Barotti-Melito - era ormai bella che allestita. E l’organizzazione non se l’è sentita di aspettare Laze.

Che, però, almeno un “piccolo” risarcimento l’ha ottenuto: «Sarò io lo sfidante ufficiale nel 2021, non ci possono essere altri al mio posto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True