L’elite del fioretto di scena a Erba
Va all’assalto anche la Comense

I ragazzi terribili della squadra nerostellata si misureranno domani con tutti i migliori

L’elite del fioretto di scena a Erba Va all’assalto anche la Comense
Da sinistra Ferrari, De Biasio e Proietti

Ancora una appuntamento di altissimo livello a Lariofiere di Erba, con organizzazione della Comense Scherma. Domani va in pedana la prima prova nazionale assoluta di fioretto, maschile e femminile.

Un parterre de rois con i migliori italiani (e quindi anche al mondo): da Alice Volpi, numero uno del ranking femminile e recente vincitrice della Coppa del Mondo a Saint Maur, a Beatrice Monaco, Martina Batini, Francesca Palumbo; da Andrea Cassarà (il primo della graduatoria maschile) a Guillame Bianchi, Alessio Foconi, Andrea Baldini, Daniele Garozzo, Giorgio Avola.

I prime a calcare le 22 pedane allestite nel centro espositivo erbese, saranno gli uomini, alle 9.30 (122 gli iscritti). Il vincitore, oltre al pass per gli italiani del prossimo giugno a Courmayeur, riceverà anche il trofeo Antonio Spallino, giunto alla seconda edizione, in memoria dell’ex campione olimpico nerostellato e sindaco di Como.

Nella gara di casa ci saranno anche gli atleti della Comense, Mateu Coll Gari, Gianmarco Galvani, Francesco Griseri, Isaia Napolitano e Alessandro Stella, alla ricerca del biglietto per gli italiani.

Alle 13.30 toccherà alle donne (96 le iscritte). E qui c’è molta attesa per vedere all’opera Irene De Biasio, Carlotta Ferrari ed Arianna Proietti (tornata appositamente dagli Stati Uniti), il “terzetto delle meraviglie” di casa nella Nazionale Under 20. Per loro - ed anche per l’altra nerostellata Giorgia Spazzi – non sarà facile emergere, in un contesto di altissimo spessore.

Sicuramente emergerà l’organizzazione “made in Comense” che ha ricevuto i complimenti dopo la due giorni di spada della scorsa settimana (con numeri decisamente più alti). Sulla manifestazione veglieranno più di un centinaio di volontari, in maggioranza della società del presidente Paolo Ferrante. L’unico rammarico è la chiusura al pubblico, per la pandemia. Le finali saranno visibili sulla pagina Facebook della Comense.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}