Vanoni Mondiale
Comaschi dietro i top

Quinto posto per Fabio Ruga con La Recastello e sesto per Emauele Manzi con l’Us Malonno

Vanoni Mondiale Comaschi dietro i top
montagna emanuele manzi in azione
(Foto di lariosport lariosport)

Quinto posto per Fabio Ruga con La Recastello e sesto per Emauele Manzi con l’Us Malonno. I comaschi si sono fatti onore nel trofeo Vanoni, classicissima d’autunno della corsa in montagna a staffette, organizzata dal Csi Morbegno.

La gara era un vero e proprio Campionato del mondo a staffette, alla luce della partecipazione di altissimo livello. Non da meno è stata la gara femminile, a livello individuale con il successo dell’atleta keniana Lucy Wambui Murigi che ha preceduto l’iridata 2013 Alice Gaggi e la giovane Luna Giovanetti, iscrittasi all’ultimo, autrice di una prova maiuscola.

A livello comasco da ricordare la piazza d’onore per Savina Tagliasacchi tra le Master 45 anni, alle spalle della britannica Kirsty Hall. Nelle Promesse femminili 6° posto per Micol Caprani dell’Atletica Centro Lario. Stessa posizione per Sara De Maria, anche lei dell’Atletica Centro Lario nella Master 35 anni.

Torniamo al clou, la kermesse maschile. Lo spettacolo è stato altissimo. Il successo è finito in mani straniere. Ad imporsi i francesi Alexandre Fine, Sylvain Cachard e Theodore Klein. Erano i favoriti e hanno mantenuto le premesse, grazie anche all’esperienza di Fine che ha bissato il successo della passata edizione. Alla prima vittoria invece gli altri componenti della staffetta. Piazza d’onore, anche qui come da pronostico, per l’Atletica Valchiese. Alberto Vender, Luca Merli e Marco Filosi, argento ai tricolori di staffetta a Lanzada, hanno provato ad impensierire i transalpini, ma hanno dovuto accomodarsi sulla seconda poltrona. Terzo posto per i Falchi Lecco con Luca Del Pero, Daniel Antonioli e Lorenzo Beltrami. La Recastello puntava ad un posto sul podio, anche in virtù del recente bronzo ai tricolori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True