Baby revolution Como  Il progetto della FAA
yuri guida (Foto by Nicola Nenci)

Baby revolution Como

Il progetto della FAA

Yuri Guida, il rappresentante comasco della società che sta per chiudere l’accordo, dice: «Il nostro progetto su affiliazioni e centro sportivo»

Oggi Roberto Felleca e Ninni Corda incontreranno la FAA, società cui il Como ha in progetto di affidare il settore giovanile in luogo di Fox Town. Difficile che si arrivi a una definizione nero su bianco già nella serata di oggi, più probabile che si arrivi a fine settimana. E mentre Marco Hefti, l’uomo di Fox Town che aveva finanziato i baby sino a oggi, valuta se e come far parte del progetto come vorrebbe Nicastro, prendono forma le linee e le ragioni che hanno portato la società azzurra a sposare il progetto FAA. Se Hefti farà parte del progetto, potrà succedere solo una cosa: alla FAA solo la Berretti, e tutto il resto allo staff attuale. Con vite separate. Nessuna commistione. Yuri Guida, il rappresentante comasco della società che sta per chiudere l’accordo, dice: «Il nostro progetto è molto profondo e svaria su diverse aree di prospettiva. Ne riassumo alcune: 1. Organizzare una affiliazione sistematica di tutte le società del territorio in maniera di poter contare sui migliori talenti della provincia; 2. Cercare un centro sportivo dove poter lavorare con tutte le squadre assieme; 3. Lavorare con l’obiettivo di produrre talenti a vantaggio della prima squadra; 3. E, a tal proposito, creare una omogeneità di sistema di gioco tra la prima squadra e tutte le squadre delle giovanili; 4. Organizzare stage dei nostri allenatori con le realtà più importanti d’Europa. La nostra è una realtà seria fatta da professionisti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA