Banchini trova l’errore  «Dovevamo chiuderla»
como villa d'almè (Foto by Nicola Nenci)

Banchini trova l’errore

«Dovevamo chiuderla»

«Rendiamoci conto che più passa il tempo, più molte squadre daranno l’anima contro il Como»

Il mea culpa è lungo e articolato. Non si cercano scuse, se non qualche appunto all’arbitro Scatena “reo” di aver lasciato la squadra in dieci dopo pochi minuti nella ripresa: «La nostra colpa è non aver provato a chiudere la partita». Esordisce così mister Marco Banchini, tecnico di un Como al primo pareggio alla quinta di campionato: «Sapevamo che, dopo quattro partite, qualcuno avrebbe cominciato a giocare in maniera un po’ diversa e che per noi sarebbe stato più difficile, anche alla luce dei problemi che avevamo legati a squalifiche e infortuni. Ma, chiaramente, avevamo la partita in pugno e perdere due punti così dà veramente fastidio».

All’allenatore del Villa d’Almè che “accusa” il Como di aver fatto ostruzionismo, Banchini replica che, semmai, è stato l’esatto contrario: «Avevo visto il Villa d’Almè, avevo apprezzato il loro modo di giocare con palle basse e manovre efficaci. Siamo arrivati noi e hanno cominciato a giocare con lanci lunghi. Rendiamoci conto che più passa il tempo, più molte squadre daranno l’anima contro il Como».


© RIPRODUZIONE RISERVATA