Como, che Novara

diventi il Sinigaglia

Contro il Livorno tante novità: esordio in B di Scuffet, volti nuovi a centrocampo e il possibile tandem Ebagua-Gerardi

Como, che Novara diventi il Sinigaglia
Mister Carlo Sabatini sprona i suoi in vista della partita con il Livorno
(Foto di Foto Cusa)

Como-Livorno, esordio casalingo lontano da casa. E per di più in occasione di una partita come questa, una delle più sentite dai tifosi. Ma, situazione ambientale a parte, ci sono tanti motivi di interesse anche in campo. Dopo la sconfitta di Perugia è importante fare risultato, e Sabatini farà diversi cambiamenti sulla formazione, vuoi per necessità vuoi per scelta.

Da cima a fondo, novità un po’ dovunque. In porta, innanzitutto, c’è l’esordio in campionato di Simone Scuffet, rientrato dall’impegno con l’Under 21. In difesa conferma per il trio Cassetti-Giosa-Garcia Tena, mentre torna a disposizione anche Borghese, assente a Perugia per squalifica. In mezzo al campo ci saranno certamente novità: confermati gli esterni Marconi a destra e Jakimovski a sinistra, si cambierà il nucleo centrale. Di fianco a Bessa esordirà sicuramente dall’inizio Sbaffo - che a Perugia era entrato nel secondo tempo facendo vedere buone cose - mentre l’altra mezz’ala sarè uno tra Brillante e Benedicic. Più centrocampista uno più trequartista l’altro, ma entrambi in grado di occupare il ruolo che in questo momento è tra l’altro più colpito da infortuni.

Un po’ più certa invece sembra la decisione di schierare una coppia d’attacco completamente nuova, con Ebagua e Gerardi. Anche in questo caso però il tecnico si è riservato di decidere all’ultimo. Il ballottaggio è tra Le Noci e Gerardi, cambio effettuato nel secondo tempo a Perugia, e che aveva prodotto un po’ di vivacità in più nella fase offensiva comasca.

Si va in campo alle 15, cronaca diretta sul nostro sito web.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True