«Como, ora te la giochi»

I giocatori felici, Ganz: «Ora viene il bello, perché dopo queste vittorie ci sentiamo nuovamente forti»

«Como, ora te la giochi»
Esultanza a fine partita
(Foto di Fabrizio Cusa)

Se non è contento lui… Il capitano del Como avrebbe dato qualsiasi cosa per essere in campo, anche solo per un minuto, per dare il suo contributo. A 38 anni, l’entusiasmo per il raggiungimento dei playoff è identico a quello di quindici anni fa. Quando li raggiunse in C1 nella sua prima esperienza a Como. «Avevo sperato, quando sono tornato a Como, di rivedere la mia curva piena, come quando l’avevo lasciata. Voglio giocare un’altra partita così, con quello stesso calore e con quello stesso stadio pieno».

Per Antonio Giosa è un traguardo meritato. E lui, che è stato protagonista con due gol fondamentali contro Novara e Alessandria, ci tiene a condividere questa gioia: «Tutti sono stati importanti, per raggiungere questo obiettivo è servito l’apporto di tutti. Una soddisfazione che va quindi estesa a tutti i giocatori, allo staff, alla società e anche a mister Colella, per la parte che lo riguarda»

Non poteva mancare Simone Andrea Ganz, vicecapocannoniere del Como con 11 gol e autore del gol che ha regalato i playoff al Como: «Sinceramente, non mi aspettavo questi risultati sugli altri campi, ma credo che sia giusto così perché, pur avendo perso tanti punti per strada, abbiamo battuto le tre squadre più forti. Ora viene il bello, perché dopo queste vittorie ci sentiamo nuovamente forti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}