Como, porta chiusa per Gori. Ora spunta la pista Bardi

Difficile che si riapra una chance per il portiere di quest’anno. La società e Ludi alla finestra per l’ex del Bologna che però è nel mirino della Ternana

Como, porta chiusa per Gori. Ora spunta la pista Bardi
Stefano Gori
(Foto di Cusa)

Gori no, Gori forse. La questione si è dipanata negli ultimi giorni fino ad arrivare, ieri, a voci che davano la società biancazzurra impegnata a trattare con la Juve per tenere ancora Gori tra i pali. Che invece non sarebbe quello che sta accadendo, questo filtra da viale Sinigaglia in maniera abbastanza netta.

Dubbi

Peraltro, proprio dal Como, da Ludi personalmente, era arrivata la prima netta affermazione sul fatto che Gori non sarebbe rimasto più qui. Una scelta comprensibile, dopo le difficoltà che

il portiere suo malgrado aveva dovuto affrontare durante la stagione che hanno effettivamente impedito al Como di valutare la situazione come avrebbe voluto farlo. Niente di sconvolgente, insomma.

Lo stesso Ludi, però, aveva poi nei giorni successivi ammorbidito un po’ il giudizio sul portiere. Forse più con l’intento di non farla passare per una bocciatura nei confronti del giocatore, che per una reale intenzione di confermarlo. E questo che poteva sembrare un ripensamento, ha portato poi a congetture e ipotesi diverse. Ma la strada sembra essere davvero quella espressa in prima battuta: il Como non sta trattando Gori, e in questo momento non sembra avere intenzione di farlo. Il dg del Como non vuole più tornare sull’argomento, ma la sua posizione continua a sembrare molto netta.

Intanto, spunta dal mercato un altro nome. Quello di Francesco Bardi, portiere trentenne in scadenza di contratto con il Bologna. Bardi sarebbe effettivamente un profilo molto interessante vista la sua sostanziosa esperienza sia in serie B che in A: cresciuto nel Livorno, poi alla Primavera dell’Inter, ha poi giocato in B con Livorno e Novara, poi in A con Livorno e Chievo, quindi quattro stagioni e mezzo a Frosinone tra serie B e A, per passare l’anno scorso al Bologna dove ha giocato da secondo di Skorupski, due presenze. Bardi è fra l’altro uno dei giocatori con più presenze nelle nazionali giovanili, in particolare quasi quaranta partite con l’Under 21. Il Como per ora smentisce di aver avviato qualsiasi trattativa per Bardi, ma non che possa essere un profilo da tenere in considerazione. Sicuramente è un giocatore su cui può esserci concorrenza, in particolare si parla della Ternana, vista anche la conoscenza del portiere con Lucarelli, entrambi livornesi ed ex compagni di squadra.

In porta

Il tema del numero uno, comunque, si profila già come uno dei più interessanti nella campagna di mercato del Como. Mentre in tema di conferme si riparla della possibilità, che sembra decisamente abbordabile, di tenere ancora in biancazzurro Parigini. Idea già manifestata con ottimismo dallo stesso Ludi. In quanto a Cerri, come è noto, le cose dipenderanno anche dalla scelta che il Cagliari farà per la panchina. Situazioni che già in questa settimana potrebbero chiarirsi meglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True