Gattuso contro Inzaghi
Che sfida in panchina

Brescia-Como di domenica è anche il faccia a faccia tra i tecnici

Gattuso contro Inzaghi Che sfida in panchina
Giacomo Gattuso, tecnico del Como
(Foto di Cusa)

È una serie B con tante novità, anche sulle panchina. E una di queste in un certo senso anche Jack Gattuso, che per la prima volta ha cominciato da allenatore titolare in questa categoria. Così come hanno fatto altri, anche su panchine importanti, vedi Maresca con il Parma per esempio.

Ma in questa serie B c’è anche l’allenatore migliore della categoria negli ultimi cinquant’anni, Filippo Inzaghi. Che poi il calcio lo ricordi più ancora come giocatore che come tecnico, è un altro discorso. Ma numeri alla mano, Inzaghi è un uomo da record anche in panchina, specie in questa categoria. E domenica, in Brescia-Como, ci sarà anche questa particolare sfida tra tecnici, su per giù della stessa generazione, ma con percorsi molto diversi.

Sfide

Jack ha solo cinque anni più di Pippo, ma ha cominciato a fare questo lavoro molto prima. Nel 2002, quando Gattuso smise di giocare e cominciò ad allenare alla Canzese, Inzaghi era ancora grande protagonista in campo, quell’anno segnò la bellezza di trenta gol, di cui dodici in Champions League. Jack, anche per precisa scelta personale, si è dedicato per tantissimi anni ai ragazzi, con il settore giovanile del Novara. Inzaghi solo per due anni, al Milan, prima che gli fosse affidata la prima squadra. Una partenza fortissima, anche se non brillantissima a livello di risultati. La serie A non è il suo forte, arriva da una retrocessione con il Benevento. Ma in serie B, per media punti, Inzaghi è il migliore degli ultimi cinquant’anni, davanti a pezzi grossi come Guidolin e Prandelli.

Ha fatto molto bene con il Venezia, arrivando quinto, dopo aver vinto l’anno prima il campionato di C. Ha fatto benissimo con il Benevento, un campionato strepitoso due anni fa. E ora si sta superando con il Brescia, la sua miglior partenza di sempre. Soprattutto in fatto di gol segnati, guarda caso: diciassette reti in sei partite, una media strabiliante.

La sfida, dunque, è notevole. In un campionato dove non ci sono praticamente più “vecchi marpioni” della categoria in panchina, ma tanti tecnici nuovi con le loro precise idee di gioco, Gattuso compreso, mister Jack si trova a sfidare un collega che in questo momento può essere considerato il vero nome importante tra tutti gli allenatori della serie B, senza nulla togliere a nessuno. Uno stimolo forte in più, al di là dei numeri e della posizione di classifica.

Gol

Troppo facile confrontare la differenza tra i gol segnati dalle due squadre, il dato è evidente. E comunque in confronto al Brescia sfigurano tutti in questo momento. Più interessante invece valutare i gol subìti dalle due difese, il Brescia ne he presi otto, il Como nove. Dunque, siamo lì. Non è una squadra imbattibile. Tranne la prima giornata a Terni, la squadra di Inzaghi ha sempre preso almeno un gol. E, se può confortare, il Crotone che ha gli stessi punti del Como da Brescia ha portato via un punto. Si può fare, insomma. E gli stimoli per riuscirci sono davvero tantissimi, in campo come in panchina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}