Cerutti domina le dune del Perù  E scala la classifica della Dakar
Un salto di Jacopo Cerutti in azione alla Dakar

Cerutti domina le dune del Perù

E scala la classifica della Dakar

Il pilota di Montorfano guadagna sei posizioni, ora è trentaquattresimo

Anche oggi la Dakar numero 40 ha davvero messo alle corde i partecipanti di tutte le categorie che hanno davvero sudato le fatidiche sette camice per arrivare al traguardo di questo lungo anello di 444 chilometri con partenza e arrivo a San Juan de Marcona (Perù). Una tappa dove ancora la sabbia è stata la vera protagonista nel bene e nel male di questo raid sudamericano che è partito con tappe davvero difficili e con percorsi differenziati tra categoria e categoria.

Il “nostro” Jacopo Cerutti fa salti di gioia perché migliora la sua situazione nella classifica generale scendendo dalla 40a posizione alla attuale 34a.

Una gara dove le ripidissime dune peruviane hanno messo in difficoltà in particolar modo i camion che non sempre sono riusciti ad arrivare fino al vertice costringendo i driver ad attaccare in diagonale con evidenti rischi la scalata di sabbia.

Dal canto suo questi problemi il pilota di Montorfano, Jacopo Cerutti, non li ha mai avuti. Del resto la sua esperienza in fuoristrada gli ha permesso di andare oltre quelle invalicabili dune, dove fotografi e operatori televisivi si sono appostati per immortalare i passaggi mozzafiato.

Con l’Husqvarna 450 del Team MRG, Cerutti è riuscito a tenere il passo dei concorrenti più veloci che hanno spinto in questa quarta tappa per dare uno strappo alla classifica e avvantaggiarsi prima delle lunghe tappe marathon, cioè quelle vietate ai meccanici di poter mettere mano sui mezzi, di qualsiasi tipo, pena la squalifica.

Ancora una gara tattica dunque per Cerutti che sa che non ci si può buttare a capofitto per fare ad ogni costo il risultato: il suo primo obiettivo è arrivare”sano e salvo” alla tappa di riposo prevista per venerdì , ma prima della sosta ci sono due tappe consecutive di oltre 700 chilometri e queste due sfide andranno prese con grande attenzione.

Per quanto riguarda la quarta tappa sono stati i francesi a dominare con la vittoria di Xavier De Soultrait (Yamaha) davanti al connazionale Van Beveren (Yamaha) che diventa il nuovo leader tra le moto. Intanto si è ritirato dopo una caduta il campione in carica, l’inglese Sam Sunderland, pilota ufficiale della Ktm.

Oggi potrebbe essere una bella gara da San Juan de Marcona fino a Arquipa che prevede una marathon di 777 chilometri di cui 274 di prova speciale. Nel trasferimento ci si potrà riposare ma nella crono guai a distrarsi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA