Como ai playoff?  Toccherebbe il Siena
Como in campo a Monza (Foto by Fabrizio Cusa)

Como ai playoff?

Toccherebbe il Siena

Lo scenario in serie C sta davvero cambiando, pur restando ancora tutto nell’ambito delle ipotesi. Ora l’idea di poter tornare in campo c’è

Lo scenario in serie C sta davvero cambiando, pur restando ancora tutto nell’ambito delle ipotesi. Da una categoria che in maniera pressoché compatta aveva espresso il suo no alla prosecuzione della stagione, ora l’idea di poter tornare in campo sta facendo cambiare prospettiva a molti.

Dalla cima al fondo della classifica sono in tanti a rivendicare il diritto di non accettare verdetti a tavolino, ma di giocarseli sul campo, se ce ne sarà la possibilità. C’è chi, come il Carpi, chiede che ai playoff partecipino anche le prime, chi, come il Gozzano, non accetta di retrocedere solo perchè nel momento in cui si è fermato il campionato è toccato a lui essere ultimo in classifica e vuole essere inserito nei playout...

E c’è il Como, che se il regolamento dei playoff resterà quello stabilito inizialmente, anche con la classifica così com’era al momento dello stop potrebbe ancora entrare negli scontri per giocarsi un posto in serie B. In attesa di capire cosa accadrà, proviamo a immaginarci lo scenario se si scegliesse di giocare solo i playoff e i playout, come molti ipotizzano.

Innanzitutto, andrebbe giocata la finale di Coppa Italia di serie C, che vede protagoniste Juve Under 23 e Ternana, due società che già si sono dette disposte a tornare in campo. La qualificazione del Como passa da qui, perchè i biancazzurri, se si utilizza come si presume il criterio della media punti, in realtà sono undicesimi avendo una partita in meno della Pistoiese, che al momento dello stop aveva un punto in più in classifica. E se la Coppa venisse vinta dalla Juve, si libererebbe un posto nei playoff proprio per il Como, perchè la vincitrice del trofeo entra nei playoff più avanti.

A questo punto, il Como sfiderebbe in gara secca la quinta classificata ovvero il Siena (sul quale però pende la spada di Damocle di una penalizzazione dopo il deferimento per ritardo nei pagamenti, altrimenti sarebbe l’Alessandria) , in gara secca in casa dei toscani. Novanta minuti da vincere, senza supplementari e rigori, perchè in caso di parità passa la miglior classificata in campionato. Uno scontro affrontabile, che in campionato ha solo il precedente dell’andata a Siena: il Como perse 1-0 ma giocò una buona gara condizionata dall’espulsione di Peli dopo solo una ventina di minuti. In undici contro undici sarebbe di sicuro andata diversamente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA