Como chiude ultimo la prima fase  Malkov: «Playoff non impossibili»
Petr Malkov, il coach dell’Hockey Como

Como chiude ultimo la prima fase

Malkov: «Playoff non impossibili»

La seconda fase ne qualificherà altre due. «Tutte le avversarie sono alla portata».

Il campionato per l’Hockey Como inizia adesso. La regular season dell’Italian hockey league è servita per promuovere le prime sei della classifica ai playoff e le prime quattro alla Coppa Italia. I biancazzurri, all’ultimo posto con 17 punti (3 vittorie “piene”; 2 all’over time e 1 ai rigori; 1 sconfitta all’over time; una ai rigori e 12 stop) dovranno lottare con Valdifiemme, Unterland Cavaliers, Alleghe e Caldaro per conquistare gli altri due posti d’accesso ai quarti di finale dei playoff. Senza vittorie ufficiali in trasferta (a parte quella alla prima giornata con il Valdifiemme, cancellata dal giudice sportivo per l’utilizzo di un giocatore squalificato) e con la difesa più “bucata” (ha superato “quota cento”, arrivando a 101) il compito sembra arduo.

«Grazie anche all’ultimo arrivo (Mauro Grisi ndr) abbiamo sistemato il reparto arretrato con delle coppie, finalmente fisse -spiega coach Petr Malkov -. Adesso stiamo lavorando bene».

I playoff sono un sogno? «Vogliamo provarci - conclude Malkov -. Il morale è buono, i ragazzi hanno capito cosa bisogna fare e le avversarie (ad eccezione forse di Caldaro) sono alla portata. Adesso affrontiamo i primi due impegni, poi approfitteremo della sosta per la Coppa Italia, per lavorare duro per i playoff».


© RIPRODUZIONE RISERVATA