Como e i playoff  Norme da studiare
Como-Piacenza, l’espulsione di Chinellato (Foto by cusa)

Como e i playoff

Norme da studiare

Gli azzurri sognano l’impresa: superare in classifica il Piacenza, il sesto posto vale il primo spareggio in casa (e anche con il pari si passa il turno...)

Como, tentar non nuoce. Anzi, in questo caso gioverebbe moltissimo. Mister Gallo lo ha detto chiaramente, non ci si accontenterà della “semplice” qualificazione ai playoff, traguardo che il Como a questo punto ha quasi matematicamente acquisito. Ma bisogna cercare di rincorrere la migliore posizione possibile, soprattutto se si tratta di passare dall’attuale settimo al sesto posto.

Riuscirci porterebbe un doppio importantissimo vantaggio: uno è la possibilità di giocare in casa la partita secca che consente alla vincitrice di qualificarsi alla fase successiva, l’altro è ancora più importante perchè chi gioca in casa ha a disposizione due risultati su tre. Chi gioca in trasferta deve vincere per forza, chi gioca in casa può passare anche con un pareggio al termine dei 90 minuti. Perchè da regolamento nel primo scontro non sono previsti supplementari e rigori.

Insomma, sarebbe già un gran bel passo avanti. Anche se, diciamolo subito, è certamente un traguardo difficile. Perchè i quattro punti che separano il Como dal Piacenza di fatto sono cinque, avendo perso entrambi gli scontri diretti. Gli emiliani dunque andrebbero non solo raggiunti, ma anche superati, e il tempo in questo senso è tiranno, con sole tre partite a disposizione.

Tra l’altro, non c’è solo il Como che può inseguire questo obiettivo, perchè a pari punti con gli azzurri, oggi a 52, c’è anche la Viterbese, che fra l’altro sarà l’ultimo avversario che il Como affronterà in questa stagione regolare. E dopo la partita di sabato in casa con la Lupa Roma, la squadra di Gallo giocherà a Meda con il Renate, che è a soli due punti dal Como. Insomma, una corsa a tre proprio alle spalle del Piacenza, che potrebbe anche essere favorito da questi scontri diretti tra le sue inseguitrici.

Intanto però è giusto provarci: le ultime tre gare del Piacenza cominciano con un impegno difficile, sabato giocherà con il Livorno. Poi la trasferta con il Pontedera, ormai salvo, e la chiusura in casa con il Prato che invece potrebbe ancora avere bisogno di punti salvezza.

È interessante anche dare un’occhiata a quello che potrebbe succedere dopo, con gli abbinamenti successivi. Restando così le cose, con le classifiche attuali, sul cammino del Como, battendo il Piacenza, ci sarebbe il Parma. Il tabellone infatti è già predisposto, e prevede che la vincente della sfida sesta-settima del girone A incontri la seconda classificata del girone B.


© RIPRODUZIONE RISERVATA