Corda e le priorità del mercato  «Un portiere e due difensori»
Ninni Corda sulla panchina del Como sta dirigendo le operazioni di mercato (Foto by foto Cusa)

Corda e le priorità del mercato

«Un portiere e due difensori»

«Il Como sta cercando giocatori che possano essere utili alla causa per la serie D».

La strada è tracciata, in attesa degli eventi. Il mercato del Como sarà sempre più improntato alla ricerca di giocatori funzionali a un campionato di serie D. Non è certo una resa - il Como deve affrontare ancora il Tar del Lazio per provare a essere poi ripescato in serie C -, ma è chiaro che serva comunque completare una rosa che completa ancora non è. Facile quindi pensare che, in attesa del campionato, questa possa essere una settimana importante, dal momento che solo fino a venerdì alle 20 il Como avrà la possibilità di trattare con società di serie C il cui mercato, in entrata e in uscita, è stato prorogato nei giorni scorsi dal commissario Roberto Fabbricini. Poi si potrà continuare a trattare, ma con gli svincolati.

«Ormai ci siamo messi in quest’ottica - afferma Ninni Corda - e stiamo cercando giocatori che possano essere utili alla nostra causa per la serie D».

Chiaramente il quadro cambierebbe se il Tar del Lazio sospendesse il provvedimento del Collegio di garanzia del Coni. A quel punto, si dovrebbero riattivare tutti i meccanismi burocratici per seguire l’iter del ripescaggio e chiaramente quelli tecnici legati alla squadra per affrontare la serie C con una rosa adeguata.

«Credo che, con tre-quattro giocatori mirati, potremmo essere a posto in caso di serie C. Intanto però ragioniamo sulla categoria a cui siamo iscritti, comunque vada il ricorso al Tar».

E i ragionamenti in corso sono fatti soprattutto per la retroguardia: «Sicuramente servono un portiere e contiamo di tesserare anche due difensori» sostiene Corda.

L’articolo integrale sulla Provincia di martedì 28 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA