Festa del Cross a Gubbio  Al via una trentina di comaschi
Elisa Cova

Festa del Cross a Gubbio

Al via una trentina di comaschi

La prova in programma sabato e domenica assegnerà i titoli italiani di corsa campestre

Alla Festa del Cross a Gubbio (Perugia) sono quasi una trentina i comaschi iscritti su 2.031. Con questa denominazione (coniata nel 2014) vanno in scena sabato e domenica i campionati italiani individuali e di società di corsa campestre per le categorie allievi, juniores, promesse/seniores m/f. Valgono anche come prima prova (le altre sono maratonina, 10.000 su pista e 10 km. strada) dei tricolori societari assoluti di corsa.

L’anticipo prefestivo è riservato alle staffette (2+2+3+3 km.) con al via Elisa Cova (Cus Pro Patria Milano) e l’assese Mohamed Raphael Tahary (G.A. Vertovese). Dopo l’argento dello scorso anno (alle spalle dell’Atletica Bergamo) la figlia d’arte ripunta al podio con l’obiettivo di conquistare l’oro. Per la Cova anche la prova individuale promesse/seniores di 8 km.

La nostra “brigata” più numerosa (10) è quella della Cantù Atletica con le allieve (4 km.) Camilla Bossi (campionessa lombarda), Chiara Maffina, Virginia Marinoni, Ilaria Molteni, gli allievi (5 km.) Francesco Piferi e Jonathan Tamborini, la ju Sara Trezzi (6 km.) e i pari categoria uomini (8 km.) Federico Maione, Simone Pagani, Massimiliano Radice.

Terna per l’Atletica Mariano che allinea l’allieva Chiara Fumagalli nonché gli ju Alberto Mondazzi e Luca Olivieri. Pure un trio propone l’Atletica Lecco avvalendosi degli erbesi Mattia Gaffuri (allievo), Mirco Colombo e Samuele Nava (ju).

In società extralariane figurano Tommaso Puppi (Osa Saronno), Valentina Aliverti e Haimanot Zamburlini (Pro Sesto) nella categoria junior. In quella assoluta uomini (10 km.) Francesco Puppi (Atletica Valle Brembana), Steve Bibalo (Sportiamo Trieste) e Giordano Montanari (Daini Carate Brianza), mentre in ambito femminile siamo rappresentati da Valentina Belotti (Atletica Alta Valtellina), Ilaria Bianchi (La Recastello Radici Group) e dalla luratese Ivana Iozzia (Calcestruzzi Corradini Excelsior) che agli scudetti di maratona (tre) ha “scalato” pure il podio dei societari di campestre e corsa.

In palio 23 titoli e in abbinamento c’è anche il Criterium per Regioni riservato alla categoria cadetti/e, vinto nel 2015 dalla Lombardia, con l’essenziale contributo dei comaschi di entrambi i sessi. Stavolta, a titolo individuale, c’è soltanto l’erbese Elisa Pastorelli (Atletica Lecco).


© RIPRODUZIONE RISERVATA