Calcio Como, la festa allo stadio (video)  I tifosi accolgono la squadra (video)
esultanza a fine partita (Foto by Fabrizio Cusa)

Calcio Como, la festa allo stadio (video)

I tifosi accolgono la squadra (video)

Circa 500 tifosi radunati davanti al Sinigaglia hanno celebrato i giocatori protagonisti di una stagione da record

Un record giustifica una festa doppia. Prima allo stadio di Caronno, nell’ultima trasferta. Festa per pochi, visti i soli 250 biglietti disponibili. Poi fuori dal Sinigaglia, con almeno 500 persone che aspettano il pullman della squadra al ritorno dalla partita.

A Caronno è una festa in sordina, andata di traverso a tutti per la gestione dei biglietti quantomeno bizzarra. Fatto sta che nell’impianto ci arrivano circa 400 tifosi azzurri. I 250 con regolare biglietto prendono posto sulla tribunetta in tubolare, altri 100 circa senza tagliando stazionano all’interno, ma poi verranno fatti entrare.

Ma quella vera, la più emozionante e la più significativa è fuori dal Sinigaglia, dove i tifosi si radunano alle 17.45. Ormai un marchio di fabbrica, quello della festa fuori dallo stadio. Dopo che quattro anni fa la stessa cosa avvenne per il gruppo azzurro reduce da Bassano e dalla promozione in B. Stavolta però ci sono ancora le luci del giorno ad illuminare la scena.

Circa 500 persone sono lì, davanti al cancellone della tribuna, osservati a vista da qualche camionetta della polizia, con i bandieroni della curva al vento. Il momento clou è rimandato di poco. Attorno alle 18.30 il torpedone con gli azzurri dentro, compare laggiù in fondo fermo al semaforo: e allora, via alla festa. Si accendono decine e decine di torce fumogene, coreografia preparata in tutti i particolari visto che sono disseminati secchi di plastica per buttarci dentro i rimasugli. Il pullman suona il clacson ripetutamente, si ferma di fronte alla folla e si resta un po così, con i giocatori che filmano, salutano e ridono e i tifosi che cantano a squarciagola. Sul piazzale anche Felleca, Verga ma anche il presidente onorario Angiuoni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA