Giovedì 02 Ottobre 2014

Il “Villa d’Este” per Sinigaglia
È una regata che sa di storia

Enzo Molteni (a sinistra) e Marco Botta nella sede della Canottieri Lario

Sabato alle 15.30 dallo specchio d’acqua antistante il borgo di Sant’Agostino, dove c’era la casa di Giuseppe Sinigaglia, scatta la regata in singolo per la disputa del Trofeo Villa d’Este.

L’evento è stato presentato nella sede della Canottieri Lario dal presidente Enzo Molteni e dal consigliere Ruggero Capurso, presenti anche il presidente del Coni provinciale Marco Botta e il presidente dei Granatieri di Sardegna, Piero Baratelli. «La commemorazione del centenario della vittoria di Henley di Giuseppe Sinigaglia – ha esordito Molteni – cade in un momento felice per la Lario, che quest’anno ha conquistato ben dieci titoli italiani».

Doppiata la punta di Geno, i regatanti punteranno verso punta Pizzo, quindi gireranno la boa di Villa d’Este e, costeggiando la riva di Tavernola, raggiungeranno lo storico percorso di villa Olmo. All’arrivo all’Aeroclub Como, tutti sbarcheranno e, caricate le barche in spalla, raggiungeranno il Tempio Voltiano, altro simbolo della città di Como.

© riproduzione riservata