La Pallanuoto Como  rivede la salvezza
Roberto Riccioli ha realizzato due reti (Foto by Foto cusa)

La Pallanuoto Como

rivede la salvezza

Serie B - La squadra di Dato vince a Busto la partita di andata dei playout

BUSTO PALLANUOTO 3
PALLANUOTO COMO 6

BUSTO PALLANUOTO: Viola, Ciarini, Aspesi, Rosano, Benedetti, Clemente, Colombo, Grampa, Osigliani (1), Gennari, Genoni (1), Sartorello, Re (1). All.: Salonia.

PALLANUOTO COMO: De Nicola, Crivellin (1), Riccioli (2), Maresca, Tedeschi, Arnaboldi, Colombara, Dato Spalenza, Pitic (1), Botiani, Damonte (2, 1 su rigore), Galfetti. All.: Kiss.

arbitri: Cavallini di Recco e Savino di Genova.

note - parz.: 0-1, 1-2, 0-1, 2-2. Sup.num.: Busto PN 0 su 6, PN Como 2 su 12. Uscito per falli Benedetti (BUS) nel s.t.. Spettatori: 200 circa

La Pallanuoto Como vince a Busto contro una squadra che molti davano per favorita nei playout, e che invece di questo match non ha capito nulla, rimediando una sonora, meritata sconfitta. Il doppio arbitraggio inserito in queste fasi finali e decisive impedisce il gioco sporco. Ne fa le spese la difesa dei padroni di casa, che non capisce per tutto l’incontro che marcare il centro-boa senza un raddoppio porta inevitabilmente a subire un numero di espulsioni clamorosamente sbilanciato in favore dei lariani.

Dal canto loro, gli uomini di Kiss ci mettono del loro raccogliendo solo due reti su dodici espulsioni a favore, tenendo in gara fino al quarto tempo i bustocchi. Segna Damonte su rigore, le squadre giocano maluccio, si salvano i portieri. Sul gol del numero dodici della Pallanuoto Como scopriamo che c’è anche il pubblico che tifa gialloblu: un’esplosione di gioia sorprende i presenti.

Dopo almeno quattro eccellenti interventi, capitola De Nicola: segna Re (1-1), poco dopo Benedetti lascia il campo per falli: prova negativa del marcatore centrale. Pitic segna in superiorità, Riccioli prima sbaglia poi nell’occasione successiva si fa perdonare (1-3). Bella la rete di Crivellin, al volo il numero due insacca alle spalle di Viola, unico al quale assegniamo la sufficienza piena.

In apertura di quarto tempo, c’è il gol di Busto (2-4), ma ormai la Pallanuoto Como ha il match in mano: difesa a zona, raddoppi, ripartenze. E quando le ripartenze non producono effetti, controllo della palla con copertura del campo totale. Damonte trova forse per la prima volta impreparato Viola, Osigliani inquadra un “sette” spettacolare (3-5).

Il tempo sta finendo, Salonia, tecnico del Busto è stato già espulso per proteste dopo aver osservato quasi impotente la prestazione dei suoi. Dovrà meditare a lungo su questa sconfitta, perché contro una Pallanuoto Como così sarà durissima spuntarla a Muggiò, sabato prossimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA