L’atletica cancella  le gare di aprile
ATLETICA (Foto by Claudio Zubani)

L’atletica cancella

le gare di aprile

«L’emergenza che stiamo vivendo non ha confini». Così inizia il messaggio inviato da Giampaolo Riva, presidente del Comitato Fidal Como/Lecco

«L’emergenza che stiamo vivendo non ha confini». Così inizia il messaggio inviato da Giampaolo Riva, presidente del Comitato Fidal Como/Lecco, per annunciare l’annullamento di tutte le competizioni previste, nelle due province, nel mese di aprile. Nel comasco “saltano” la fase interregionale dei campionati societari di marcia a Mariano e la prima volta del trofeo Alto Lario a Gravedona di corsa in montagna, che avrebbe assegnato i titoli di campione lombardo individuale nella categoria Cadetti, maschile e femminile e le maglie di campione provinciale Ragazzi, Cadetti, Allievi, Junior, Promesse, Senior e Master per ambo i sessi, entrambe fissate per il 19 aprile. Non si disputeranno nemmeno i giochi sportivi studenteschi (il 21 aprile a Cantù e il 28 a Mariano). A fortissimo rischio il trofeo dei Briganti ad Acquaseria e il Chilometro d’oro di Cermenate, in programma ad inizio maggio. «In questa emergenza sanitaria ci associamo alla comunicazione del Comitato Regionale e confermiamo che tutte le competizioni sul nostro territorio in programma nel mese di aprile sono sospese -spiega Riva -. Ci riserviamo di avvisare se anche a maggio non verrà predisposto il calendario. Una decisione che sarà in funzione anche di quello che il Comitato Nazionale FIDAL delibererà nella riunione del Consiglio Federale». L’attività è ferma ma il comitato è al lavoro. «Non stiamo con le mani in mano -dice il presidente - e nell’attesa di poter calendarizzare qualche manifestazione nei prossimi mesi, invitiamo a collegarsi con il nuovo sito: trovate annuari, migliori prestazioni, titoli mondiali, europei, nazionali e regionali mentre sono in lavorazione i titoli provinciali e l’annuario 2019». Il presidente chiude con un messaggio di speranza:«Quando tutto questo sarà finito ripartiremo con più entusiasmo. Viva l’atletica».n 


© RIPRODUZIONE RISERVATA