Mondelli, Gerosa e Sala sul tetto del mondo
Nicole Sale (seconda da sinistra) è la nuova campionessa mondiale Under 23

Mondelli, Gerosa e Sala
sul tetto del mondo

I tre canottieri comaschi tornano dai Mondiali di Plovdiv con la medaglia d’oro al collo

Nella prima giornata di finali del Campionato del Mondo Under 23, in svolgimento a Plovdiv in Bulgaria, l’Italia conquista tre medaglie d’oro e conduce il medagliere parziale della rassegna iridata.

A vincere sono stati il quattro con di Andrea Maestrale (CN Posillipo), Niccolò Pagani (RCC Tevere Remo), Filippo Mondelli (SC Moltrasio), Alessandro Mansutti (CC Saturnia) e Alberto Natali (CC Saturnia) al timone; il quattro di coppia femminile pesi leggeri, di Valentina Rodini (SC Bissolati), Nicole Sala (SC Lario), Greta Masserano (Cus Torino) e Giorgia Lo Bue (SC Palermo) e il due senza pesi leggeri di Lorenzo Gerosa (SC Lario) e Giovanni Ficarra (CC Peloro).

Tutto questo è avvenuto nella prima parte del programma di finali ed è stata un’apoteosi poiché le medaglie d’oro sono arrivate tutte e tre dalle prime tre barche scese in gara.

A rompere il ghiaccio il quattro con che, dopo le scaramucce iniziali, si è messo subito a fare l’andatura e, una volta davanti a Nuova Zelanda e Germania, non ha mai mollato un colpo per vincere con 21 centesimi sulla barca neozelandese e con 2”67 su quella tedesca. La seconda medaglia è arrivata dalle ragazze pesi leggeri che hanno letteralmente fatto decollare il loro quattro di coppia e, da barca favorita, hanno dominato la gara infliggendo tre secondi e mezzo alla Francia, lasciando alle transalpine l’onere di difendere il loro argento dagli assalti tedeschi. Una gara di testa e cuore che ha premiato la grinta delle quattro azzurre.

La terza medaglia d’oro, sempre in ordine di conquista, è stata vinta dal due senza pesi leggeri di Gerosa e Ficarra. Una gara che i due atleti hanno interpretato nel migliore dei modi sin dalle prime palate senza lasciare spazio di manovra agli avversari che potevano impensierire la barca azzurra. A nulla sono valsi gli attacchi di Turchia e Grecia che, sul finale, si sono dovute arrendere alla forza e alla determinazione dell’equipaggio italiano.

Niente podio, invece, per il quattro di coppia pesi leggeri maschile di Michele Quaranta (Pro Monopoli), Federico Gherzi (SC Esperia), Edoardo Buoli (Cus Pavia) e Davide Magni (C Gavirate), e per il quattro senza under 23 di Guglielmo Carcano (SC Moltrasio), Pietro Zileri Dal Verme (SC Firenze), Luca Lovisolo (RCC Cerea), Matteo Borsini (SC Limite), entrambi piazzatisi al quinto posto.

Domani ultimo giorno di gare iridate con l’Italia impegnata nelle finali in cinque specialità: singolo e quattro senza maschile pesi leggeri, doppio pesi leggeri maschile e femminile e quattro di coppia maschile under 23. La prima finale alle 10.25 locali, le 9.25 italiane.


© RIPRODUZIONE RISERVATA